Breaking news
  1. Mastini a Caldaro con tante incognite
  2. Varese, per la continuità serve battere l’Appiano
  3. Varese – Pergine, la prima di ritorno IHL
  4. Le condizioni di Andrea Gasparini
  5. Italian Districts unisce passione e consumi

Il Varese domina, ma i rigori premiano il Dobbiaco

Risultati

Team1st2nd3rdOTPPGTEsito
Mastini Varese200002Loss
AHC Toblach Dobbiaco Icebears101013Win

Riepilogo

I Mastini non segnano nonostante numerose occasioni nitide. Il Dobbiaco esce vincente col minimo sforzo.

Un bel Varese, spinto anche dal suo pubblico e dai Ragazzi della Nord che hanno incitato la squadra dal primo all’ultimo istante. Ma non è stato sufficiente. I Mastini escono sconfitti ai tiri di rigore dopo aver dominato il Dobbiaco in ogni zona del campo e fallendo innumerevoli occasioni da rete, molte delle quali davvero clamorose. Varese ha dimostrato un atteggiamento propositivo, nettamente opposto alla partita di una settimana fa a Como.

Nel Varese Basraoui è sulla via del recupero, mentre P. Borghi è costretto a guardare la partita dalla tribuna per un piccolo problemino risolvibile in un tempo non troppo lungo. Roster praticamente al completo per il Dobbiaco.

Pronti via e i Mastini si trovano subito costretti ad inseguire poichè dopo 3′ la deviazione di pattino di Rein è fortunata e inganna l’incolpevole Muraro. Il Dobbiaco prova subito a trovare il raddoppio ma è lo stesso goalie a negarlo. La gioia altoatesina dura poco e la causa è Piroso: il 55 giallonero raccoglie un invito di Caletti e spedisce il disco alle spalle di Burzacca con un tiro sotto misura. Varese prova ad alzare la pressione, iniziativa che è favorita anche da un 5 contro 3 che però non produce grandi cose. Un bruttissimo fallo di Lanzinger su Gasparini è da penalità partita e la conseguente superiorità numerica di 5 minuti frutta la rete del vantaggio giallonero. Al minuto 15 l’azione è orchestrata da Borghi e da De Biasio il quale apre il puck per Piroso che di prima intenzione fa partire una conclusione dalla media distanza che pulisce l’angolo alto alla destra di Burzacca con il disco forte e preciso che si infila da posizione leggermente defilata. Il Dobbiaco reagisce ma la superiorità numerica finale non crea problemi ai Mastini.

Il secondo tempo è un monologo del Varese. I Barrasso Boys costruiscono una montagna di occasioni da rete: Borghi, Tilaro, Caletti, Piroso, M. Mazzacane, Cordin, Bertin, Schina, senza però trovare il gol. Monumentale l’occasione capitata a Tilaro, abile a raccogliere un disco da centro pista e involarsi tutto solo verso Burzacca, ma non riesce a concludere in maniera vincente. Bertin dalla distanza scheggia la base del palo, mentre prima della sirena Borghi spedisce in porta a colpo sicuro, Burzacca compie il miracolo e blocca la conclusione a mezza altezza.

Nel terzo tempo la musica non cambia e i tentativi gialloneri si infrangono su Burzacca e sulla difesa del Dobbiaco. Le occasioni fallite si pagano a caro prezzo e infatti dalla distanza è Alverà che colpisce, con una conclusione che Muraro non può vedere. Mancano ancora 12 minuti alla sirena e i Mastini ripartono all’attacco, ma sotto porta il tocco vincente non arriva nonostante azioni ben orchestrate e ben costruite.

A 8″ dal termine del terzo tempo, Schina evita al beffa salvando in extremis su un giocatore lanciato a rete.

Il tempo supplementare è bello e ben giocato da entrambe le squadre. L’occasione più grande arriva a 10″ dal termine, ma l’urlo di gioia viene stoppato da Burzacca che chiude in tempo con i gambali.

Ai tiri di rigore il primo a segnare è Crepaz, poi tutti impattano.

Ai Mastini rimane tanto amaro in bocca, un punto e una buona prestazione. Merito al Dobbiaco che ha saputo chiudere le maglie difensive e soffrire nel momento giusto, prima di vincere ai tiri di rigore.

 

Mastini Varese – Dobbiaco   2 – 3 dtr (2:1  0:0  0:1   OT 0:0  SO 0:1)

2’55” (D) Rein, 5’42” (MV) Piroso (Caletti, Borghi), 15’43” (MV) Piroso (De Biasio, Borghi) PP1, 47’15” (D) Alverà (Volgger, Wieser), SO (D) Crepaz.

MASTINI VARESE: 30 Muraro (90 Mordenti), 3 Schina, 5 Della Torre, 9 A. Bertin, 22 E. Mazzacane, 37 Belloni, 44 De Biasio, 8 Fornasetti, 13 Gasparini, 15 Caletti, 16 Vanetti, 23 M. Borghi, 27 M. Mazzacane, 29 Cordin, 31 Allevato, 53 Salvai, 55 Piroso, 68 Gay, 74 Tilaro. Coach: Tom Barrasso

DOBBIACO ICEBERS: 30 Burzacca (1 Oberkanis), 9 Wieser, 25 Wagger, 27 Rein, 31 Lanziger, 51 Thum, 61 Soravia, 97 Profunser, 3 Plankensteiner, 13 Volgger, 20 Purdeller, 28 L.M. Zandegiacomo, 45 Vercellio, 68 Alverà, 83 Mazzarini, 88 G.M. Zandegiacomo, 91 Crepaz, 98 Rizzo. Coach: Karl Lamberti