Breaking news
  1. Mastini a Caldaro con tante incognite
  2. Varese, per la continuità serve battere l’Appiano
  3. Varese – Pergine, la prima di ritorno IHL
  4. Le condizioni di Andrea Gasparini
  5. Italian Districts unisce passione e consumi

Nulla da fare per Varese contro Unterland

Risultati

Team1st2nd3rdTEsito
Hockey Unterland Cavaliers3104Win
Mastini Varese0112Loss

Riepilogo

I Mastini escono sconfitti a testa alta da Egna

Unterland cinico e bravo. Varese si “sveglia” tardi

Niente da fare per il Varese contro un Unterland che ha ben giocato ma che è stato molto cinico nel primo tempo, sfruttando al massimo le occasioni avute. I Mastini hanno giocato in crescendo, disputando un buon terzo drittel, anche se hanno dovuto fare i conti con la stanchezza, accentuata dai momenti (tanti) in inferiorità numerica. Ottima prova del portiere Muraro e decisamente buone indicazioni nel penalty killing.

Mastini in trasferta con due assenze pesanti, come Payra e Cordin (quest’ultimo out in seguito ad un risentimento fisico accusato nell’ultimo allenamento). Non al meglio anche T. Salvai che, infatti, non si è aggregato alla squadra, la quale però beneficia di Fornasetti, un giovane in forza alla Valpellice Bulldogs già visto nella trasferta di Appiano.

Inizio veloce del gioco da parte di entrambe le formazioni ma la prima occasione è del Varese, con l’attaccante che tocca troppo centralmente su Giovanelli. Al 6’45” i padroni di casa passano con una conclusione dalla media distanza che passa tra una selva di gambe, senza che Muraro possa vedere il puck. Lo stesso portiere giallonero è bravo nell’uno contro uno a sventare un contropiede di Goldner, evitando il raddoppio. Al minuto 12 i gialloneri orchestrano una splendida azione corale che manda Piroso alla deviazione volante: fuori di poco.

I Cavaliers sono fortunati a trovare il gol del raddoppio al minuto 14.26 chiudendo in rete un’azione in mischia davanti alla gabbia varesina e poco dopo il tris di casa è firmato Kaufmann, abile a scaricare in porta una conclusione durante un powerplay ben giocato. I Mastini provano ad accorciare le distanze ma il “gioco di prestigio” di M. Borghi fa risplendere il portiere Giovanelli che compie una super parata, strozzando l’urlo in gola ai ragazzi di Varese. Prima frazione con quattro occasioni per i Cavaliers e tre per i gialloneri, che però non le hanno sfruttate a dovere.

I primi istanti del secondo drittel si caratterizzano per 4’ di inferiorità numerica: il fortino difensivo regge bene, proteggendo Muraro. Anzi, in contropiede l’occasione più grande è di M. Borghi, ma Giovanelli fa scudo e si ripete poco dopo ancora sul 23 giallonero. Trascorre poco tempo e nuovamente il portiere di casa sbarra la strada ai Mastini dopo un’azione da manuale P. Borghi – Tilaro. La prima superiorità numerica giallonera arriva a metà gara, ma i tentativi si infrangono ancora sull’estremo difensore altoatesino. Proprio al rientro dell’avversario è Tilaro a togliere la ragnatela dall’incrocio dei pali e accorciare le distanze.

La gioia dura poco. Al minuto 44’13” Kokoska riprende una corta respinta del bravo Muraro e spinge in rete il poker dei Cavaliers. I padroni di casa alzano il baricentro e spingono forte per non dar modo alle speranze giallonere di restare accese, ma il portiere varesino si comporta bene in ogni situazione.

Inizia bene il terzo drittel: al 41’04” dalla lunga distanza i Mastini dimezzano lo svantaggio con una rasoiata di Schina che sorprende il portiere di casa.

I Mastini accelerano e una azione magnifica vede protagonisti Piroso e M. Borghi, ma Giovanelli è presente, come lo è sui tentativi di Bertin in contropiede e di Schina intorno a metà periodo. Quando la pressione del Varese era massima, la penalty box si è aperta nuovamente per la formazione ospite, la quale ha dovuto ripiegare in difesa, interrompendo l’inerzia di attacco.

Ristabilita la parità numerica sul ghiaccio è Tilaro ad impegnare severamente la difesa avversaria, esaltando Giovanelli. Lo stesso goalie si ripete sulla sassata di Bertin dalla blu e poi sull’iniziativa di Salvai.

Alla fine solo applausi da parte dei tifosi gialloneri saliti in Alto Adige (circa una ventina).

Unterland Cavaliers – Mastini Varese    42 (3:0  1:1  0:1)

6’45” (UC) Galassiti (Kokoska), 14’16” (UC) Galassiti (Brighenti, Kokoska), 16’10” (UC) Kaufmann (Galassiti, Wieser) PP1, 32’26” (MV) Tilaro (De Biasio), 34’13” (UC) Kokoska (T. Steiner), 41’04” (MV) Schina (Bertin)

UNTERLAND CAVALIERS: 29 Giovanelli (25 M. Steiner), 5 Zucal, 14 Goldner, 15 Cont, 19 Santer, 21 T. Steiner, 26 Brighenti Moretti, 43 Pichler, 66 Obexer, 4 Kaufmann, 6 Covi, 7 Egger, 11 R. Zerbetto, 13 Girardi, 16 Galassiti, 17 G. Zerbetto, 27 Selva, 46 Kokoska, 54 Pallabazzer, 55 Wieser, 95 Pisetta. Coach: Paul Robatscher

MASTINI VARESE: 30 Muraro (80 Basraoui), 3 Schina, 9 A. Bertin, 22 E. Mazzacane, 5 Della Torre, 37 Belloni, 44 De Biasio, 8 Fornasetti, 13 Gasparini, 15 Caletti, 16 Vanetti, 23 M. Borghi, 27 M. Mazzacane, 31 Allevato, 53 F. Salvai, 55 Piroso, 74 Tilaro. Coach: Tom Barrasso