Breaking news
  1. Mastini a Caldaro con tante incognite
  2. Varese, per la continuità serve battere l’Appiano
  3. Varese – Pergine, la prima di ritorno IHL
  4. Le condizioni di Andrea Gasparini
  5. Italian Districts unisce passione e consumi

Il derby lombardo lo vince il Como

Risultati

Team1st2nd3rdTEsito
Hockey Como1124Win
Mastini Varese0000Loss

Riepilogo

I Mastini non riescono a mordere.
Una sconfitta per 4 a 0 che non lascia spazio a particolari recriminazioni, se non i tantissimi powerplay che la formazione giallonera non ha saputo sfruttare a dovere. Le due marcature lariane nel finale, realizzate a porta vuota, arrotondano il punteggio che era con il doppio vantaggio fino a pochi istanti dalla fine.
Partita equilibrata ma non certo ricca di spunti. Ritmo molto inframezzato da tante interruzioni che non hanno permesso un gioco fluido e veloce.
Per il derby lombardo i Mastini recuperano Cordin e Payra, mostrando quindi un roster completo nei reparti, con la sola assenza di Della Torre.
Il Varese inizia discretamente questo derby lombardo mostrandosi più propositivo rispetto gli avversari. L’inerzia del match nei primi 5 minuti è tutta giallonera, ma la difesa lariana copre bene gli spazi e costringe i Mastini a dialogare lontani dalla gabbia. Il primo powerplay del match è risolutivo per il Como: l’azione di sviluppa sulla sinistra dell’attacco lariano, il disco perviene al messicano Majul che, da posizione defilata, scarica in porta una conclusione radente, forte, che sorprende Muraro, il quale tocca il disco ma senza impedire che questo termini in rete. La reazione giallonera si sviluppa grazie ad una doppia superiorità numerica prima della sirena, ma nei 75” disponibili Tesini compie solo un paio di interventi.
L’inizio del secondo drittel è la fotocopia del primo: Mastini in avanti stabilmente nel terzo di attacco però mai  seriamente pericolosi e in grado di mettere difficoltà alla retroguardia lariana.
L’unico intervento degno di nota di Tesini arriva poco dopo metà gara, quando blocca una bella conclusione di M. Mazzacane. Varese ha la possibilità del powerplay in alcune occasioni ma le conclusioni non appaiono incisive.
In contropiede arriva il raddoppio lariano: bella l’azione che si sviluppa lungo la balaustra di sinistra, taglio del terzo e il puck arriva all’accorrente Codebò che dalla media distanza infila Muraro rasoghiaccio a fil di palo.
Terzo drittel complicato per il Varese, che fatica a emergere a causa di alcune penalità che hanno costretto i gialloneri a giocare diversi minuti in inferiorità a inizio periodo.
Poi la situazione si ribalta e i powerplay sono a favore dei Mastini, i quali riescono ad impegnare Tesini solo con qualche conclusione dalla distanza. Nei minuti finali coach Barrasso richiama Muraro in panchina per sfruttare l’uomo di movimento in più e Asinelli si trova la porta sguarnita per il tris.

Nei secondi finali, nella medesima situazione arriva il poker firmato Majul. Il derby lombardo va al Como. Per Varese ci sarà tempo di mettere a posto alcune cose e di provare a risalire la classifica, ma è necessario farlo il prima possibile. I prossimi saranno appuntamenti da vivere come tre finali, tutte da giocare in casa.

Como – Mastini Varese 4 – 0 (1:0 1:0 2:0)

15’56” (C) Majul (Ambrosoli) PP1, 37’51” (C) Codebò (Xamin), 57’59” (C) Asinelli (Piccinelli) EN, 59’46” (C) Majul (Re) EN
HOCKEY COMO: 40 Tesini (30 Menguzzato), 3 Codebò, 8 Fusini, 11 D.M. D’Agate, 16 L. Formentini, 44 Taufer, 55 Re, 71 Piccinelli, 9 Ghiglione, 13 M. Formentini, 14 Asinelli, 23 R. Ambrosoli, 27 Marcati, 28 Paramidani, 29 Vola, 33 Xamin, 73 Guaita, 77 Majul, 88 Privitera. Coach: Massimo Da Rin
MASTINI VARESE: 30 Muraro (80 Basraoui), 3 Schina, 9 A. Bertin, 22 E. Mazzacane, 37 Belloni, 44 De Biasio, 79 Payra, 13 Gasparini, 15 Caletti, 16 Vanetti, 23 M. Borghi, 27 M. Mazzacane, 31 Allevato, 34 Salvai, 55 Piroso, 68 Gay, 74 Tilaro. Coach: Tom Barrasso