Breaking news
  1. Buon Varese, ma non basta: passa il Valdifiemme
  2. Matteo Malfatti fino a fine stagione con due innesti
  3. Varese alla ricerca di punti pesanti
  4. Varese prenditi il Qualification Round
  5. Varese-Appiano rinviata

Il grande cuore del Varese Hockey

Risultati

Team1st2nd3rdTEsito
SV Kaltern Caldaro Rothoblaas0011Loss
Mastini Varese1124Win

Riepilogo

Varese Hockey sontuoso questa sera sul ghiaccio altoatesino: un 4 a 1 meritatissimo

Varese Hockey epico! Probabilmente questa partita verrà ricordata a lungo dai protagonisti. Un risultato di 4 a 1 che appare meritato e voluto fin dal principio.

Per sopperire alle assenze dei portieri (Muraro impegnato in Nazionale U20 e Basraoui infortunato) i Mastini fanno arrivare Armand Pilon da Torre Pellice, il quale, nonostante sia reduce da un lungo periodo di stop, si disimpegna molto bene.

Sempre dalla Valpellice Bulldogs arrivano anche quattro giovani uomini di movimento per completare il roster viste le assenze di Vanetti (infortunato), Tilaro (squalificato), Gasparini (fuori per infortunio) e P. Borghi (che ancora non ha potuto riprendere gli allenamenti a pieno ritmo dato che aveva le stampelle fino a pochi giorni fa).

I Mastini entrano in pista ordinati e con Pilon subito chiamato a intervenire in maniera spettacolare. I primi 5’ sono di chiara impronta rossonera, anche perché si spalanca prestissimo la penalty box di Varese. L’intento dei padroni di casa era probabilmente quello di sorprendere fin dalle prime battute la formazione di Barrasso, la quale regge ottimamente l’onda d’urto dei Lucci, pure nella situazione di doppia inferiorità.

Il primo a provare a dare un segnale a tinte giallonere è Fornasetti, poi ci provano i difensori, ma i Mastini devono subito indietreggiare a causa di un paio di sanzioni arbitrali che spediscono in panca puniti altri due varesini. Appena stabilita la parità numerica sul ghiaccio è M. Mazzacane a trovare la rete dopo un pregevole assist di Cordin. Sul finale di tempo i gialloneri avrebbero anche la possibilità di trovare il raddoppio con l’uomo in più, ma le conclusioni di M. Borghi e Piroso vengono spente da Morandell.

Il vantaggio maturato pare aver dato maggior convinzione al Varese e ciò si percepisce fin dai primi istanti del secondo drittel. Il bastone più caldo è quello di Piroso, ma Morandell è presente. Le due squadre si affrontano in maniera accorta e non sono molte le occasioni da rete, anche se sono più nitide quelle dei gialloneri, i quali stanno affrontando il match a buon ritmo e con solidità.

Un paio di interessanti azioni corali mandano alla conclusione Piroso, costringendo Morandell al super intervento. Ma la rete del 55 giallonero non tarda ad arrivare.

E’ tutta sua l’azione del meritato raddoppio: parte dalla sinistra, si accentra, finta il passaggio centrale e conclude verso la porta sul palo del portiere, battendolo all’incrocio.

I padroni di casa provano ad alzare il ritmo a inizio terza frazione e la rete arriva per merito di R. Felderer in seguito ad un ribaltamento di fronte, dopo che M. Mazzacane ha provato a insidiare la gabbia altoatesina alla ricerca del tris varesino.

Il Varese Hockey gioca senza scomporsi, mantenendo l’ordine tattico, la concentrazione e l’intensità messa sul ghiaccio fino a questo momento. Bertin, Schina e De Biasio provano le conclusioni dalla distanza impegnando il portiere avversario e costringendo i Lucci lontano dalla gabbia ospite.

I campioni in carica, però, col passare del tempo alzano il baricentro, ma i Mastini dimostrano di saper soffrire proteggendo un eccellente Pilon, sempre attento e sicuro.

Il Varese trema quando a pochissimi istanti dal termine si trova a giocare in inferiorità, ma il grande cuore giallonero non smette di battere e De Biasio infila la terza marcatura nonostante la situazione di svantaggio sul ghiaccio.

Pochi istanti dopo c’è tempo per il poker di M. Mazzacane realizzato a porta vuota, che appone il punto esclamativo su un match sontuoso giocato dai ragazzi di Tom Barrasso.

Una menzione speciale va dedicata ai ragazzi in prestito dalla Valpellice Bulldogs che non sono hanno consentito al Varese Hockey di presentarsi a Caldaro con un roster numericamente completo, ma hanno contribuito a dare sostanza e forma a questa splendida vittoria.

Riportiamo le parole del ds Matteo Malfatti a fine partita: “Dopo questa partita bisogna mantenere i piedi ben saldi a terra e continuare a lavorare gestendo un impegno per volta”.

Il prossimo sarà contro l’Unterland Cavaliers, che è reduce da una roboante vittoria casalinga. Appuntamento mercoledì sera a Milano.

 

Caldaro SV Kaltern   –   Mastini Varese    1 (0:1   0:1   1:2)

16’05” (MV) M. Mazzacane (Cordin), 34’52” (MV) Piroso, 41’40” (C) R. Felderer (Ershbamer), 58’24” (MV) De Biasio (Cordin, E. Mazzacane), 59’22” (MV) M. Mazzacane (De Biasio, Cordin) EN

CALDARO SV KALTERN: 30 Morandell (1 A. Andergassen), 7 Scelfo, 17 Volcan, 18 Uffelmann, 26 Cappuccio, 28 Vinatzer, 94 Prast, 5 Fink, 6 De Donà, 12 Oberrauch, 14 B Andergassen, 20 Anderland, 21 R. Felderer, 33 Erschbamer, 47 T.S. Virtala, 75 Gius, 91 M. Felderer. Coach: Jonathan Troy Barnes

MASTINI VARESE: 80 Pilon (90 Mordenti), 3 Schina, 9 A. Bertin, 11 Papalillo, 14 Long, 22 E. Mazzacane, 5 Della Torre, 37 Belloni, 44 De Biasio, 8 Fornasetti, 15 Caletti, 23 M. Borghi, 27 M. Mazzacane, 29 Cordin, 31 Allevato, 32 P. Borghi, 34 Cullati, 53 T. Salvai, 55 Piroso, 68 Segatel. Coach: Tom Barrasso