Ecco il nuovo coach dei Mastini. Da giocatore ha fatto la storia di Angers, da allenatore quella di Briancon.

Si chiama Claude Devèze, ed è il nuovo coach dei Mastini Varese. E’ nato a Montreal il 3 gennaio 1970, ma ha anche la nazionalità francese in quanto è proprio nella nazione transalpina che ha costruito la sua carriera hockeystica. E’ un coach che ama le sfide, che sa lavorare anche con i giovani costruendo un progetto e portandolo avanti con serietà, proprio come ha fatto recentemente al di là delle Alpi, dove gode di piena considerazione della stampa, dei tifosi e degli addetti ai lavori. Ad Angers è una leggenda, a Briancon un eroe, per ciò che ha fatto con queste due squadre.

La dirigenza giallonera lo ha cercato e voluto per affidargli il ruolo di Head Coach della Prima Squadra e quello di responsabile tecnico dell’intero settore giovanile, affiancato dal “nostro” polivalente Davide Bertin, che lavorerà fianco a fianco con il nuovo arrivato per quanto concerne la gestione dei bambini.

La storia di Claude Devèzè

Claude Devèze dal 1988 al 2010 è stato giocatore, ruotando in tutte le principali serie francesi. Non ha cambiato molte squadre e ha contribuito a scrivere la storia degli Angers, passando anche da Nantes e da Tours. La sua maglia numero 9 è appesa in bella mostra nel palaghiaccio angevino, ritirata dalla società francese che gli ha offerto il giusto tributo. Da allenatore si è accomodato in maniera piuttosto stabile sulle panchine di Nantes e Briancon, portando la squadra alla promozione nella massima serie. La città gli ha attribuito un premio importante per questo, riconoscendogli una medaglia che lui, con molta umiltà, ha condiviso con molta altra gente del team e del luogo.

Claude Devèze si approccia a Varese grazie alla scelta che la dirigenza giallonera ha confermato dopo uno screening accurato che ha portato a sondare contemporaneamente più piste. Il profilo prescelto si sposa alla perfezione con la tipologia di squadra che si ha e che si vorrebbe costruire.

Claude Devèze si fatto conoscere in Francia come una persona umile, che crede nei rapporti umani, nel dialogo e nell’ascolto. Questo è certamente un bene, pur mantenendo l’aspetto tecnico e professionale che il ruolo impone. Dove è stato si è sempre fatto apprezzare per la sua grande professionalità, per la sua dedizione verso l’hockey su ghiaccio, per la sua intensità di lavoro e per l’educazione dimostrata.

La società farà di tutto per mettergli a disposizione una squadra in grado di fare bene, offrendo al nuovo coach le carte giuste per poter competere, con la volontà di raggiungere gli obiettivi fissati. I requisiti per fare bene ci sono e ci saranno. Sicuramente Claude Devèze porterà qualcosa di nuovo negli schemi tattici e pretenderà massima attenzione da parte dei giocatori, attraverso un gioco che vuole comunque sempre essere propositivo.

Buon lavoro coach e ben arrivato a Varese!

La foto è tratta dal profilo facebook del Sig. Devèze