Domani sera alle ore 20.00 al Palalbani arriva il Pergine.

Dopo il Merano, ecco il Pergine. Le stesse formazioni affrontate durante la Final Four di Coppa Italia soltanto una decina di giorni fa. Il Varese ha bisogno di ripartire nel suo cammino, sfidando una diretta concorrente che insidia la seconda piazza della graduatoria del Master Round. L’occasione sfumata contro il Merano non deve sfuggire ora contro il Pergine. Una eventuale vittoria consoliderebbe maggiormente la posizione in classifica, ridarebbe morale e farebbe stare i Mastini a ridosso del Merano, capolista per un solo punto.

Out Schina, i Mastini dovrebbero recuperare capitan Raimondi, elemento utilissimo per carisma e mole di gioco.

Il Pergine mostrerà ancora una volta la perfetta intesa tra Hood e Buonassisi, due eccellenti giocatori che si intendono a meraviglia e che fino ad ora hanno fatto le fortune delle formazione trentina.

Le formazioni si conoscono a memoria e fino ad oggi le sfide disputate tra le due compagini sono state sempre molto equilibrate. Vittoria netta dei Mastini all’andata a Pergine, vittoria delle Linci al ritorno a Varese e vittoria dei gialloneri nella semifinale di Coppa Italia in rimonta. I presupposti per una bella sfida ci sono tutti.

Il pubblico ha risposto in massa alla passata sfida con il Merano e la speranza per la società di Via Albani è che anche giovedì sera il palaghiaccio possa animarsi di colori e cori, di ritrovato entusiasmo. La spinta dei tifosi deve essere l’arma in più per i gialloneri, desiderosi di ritornare a vincere tra le balaustre amiche del ghiaccio di casa.